Alla festa del carcere di Marika Giovanardi

Come se fosse una semplice e banale

Festa di compleanno

Padri e figli che si abbracciano

Persone che parlano e che

Si sorridono con quel sorriso che sembra dire

“Sai, mi sei mancato tanto”.

Bambini che giocano

Che corrono

Nessuno che litiga

Solo felicità

Ma lo senti,

lo percepisci che è una felicità effimera

Sfuggevole

E che dietro ad essa

Si nasconde un dolore intero

Un’oscurità latente,

Quella stessa oscurità presente

In tutti noi.

E quindi

Alla fine dei conti

Cosa ci distingue da loro?

…Non siamo forse tutti umani?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: